Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.

Consulenze HACCP e Fiscali

L'associazione A.R.A.L., grazie ad accordi di collaborazione sia con Confagricoltura sia con liberi professionisti, ha la possibilità di mettere in contatto i propri soci apicoltori con:

  • consulenti fiscali di Confagricoltura per quanto concerne gli aspetti fiscali, bandi, PSR ecc.
  • consulenti esperti del settore igenico-sanitario (HACCP).

 Contattaci per maggiori info

Coordinate per Pagamento Quota Associativa

POSTE ITALIANE 
AGENZIA N. 90 
IBAN: IT 92 O 07601 03200 000064555006 
VIA P. BELON N. 130
00169 ROMA

DOWNLOAD BOLLETTINO PRECOMPILATO

 

BANCA PROSSIMA 
Conto Corrente 100000147044 
intestato a: A.R.A.L. Associazione Regionale Apicoltori Lazio 
IBAN: IT 50 C 03359 01600 100000147044 
FILIALE DI MILANO 
PIAZZA PAOLO FERRARI 10 – 20121 - MILANO

 

Login Form

 x 

Servizi/Rinnovi nel Carrello
Carrello vuoto

      Sponsor Amici Sito

Meteo Lazio

   Per quesiti sull'utilizzo del sito contattare m.bertuola@aralonline.org   

Documento di Trasporto

Il documento di trasporto non occorre per le vendite al minuto; mentre per le vendite all'ingrosso va emesso solo in caso di fatturazione differita. Si intende per fatturazione differita l'emissione di fattura entro il mese successivo dalla data dell'operazione e la cessione deve essere giustificata da un documento di trasporto o di consegna i cui estremi verranno poi riportati nella fattura riepilogativa differita.

I soggetti che emettono fattura ordinaria possono far viaggiare i beni senza alcun documento. La fattura deve essere consegnata direttamente oppure spedita al cliente entro le ore 24 dello stesso giorno.

Chi cede beni con fatturazione differita ha l'obbligo di emettere uno specifico documento di trasporto oppure un buono di consegna.

I citati documenti possono accompagnare i beni durante il trasporto oppure essere spediti o comunicati al destinatario entro le ore 24 del giorno in cui è avvenuta o è iniziata la movimentazione dei beni.

Per il trasporto di prodotti al mercato non occorre alcun documento di trasporto.

Il documento di trasporto redatto su carta semplice e in forma libera deve contenere i seguenti elementi :

- Numerazione per la fatturazione differita

- Data dell'operazione ( consegna e spedizione)

- Generalità del cedente e dell'acquirente destinatario, nonché del vettore

- Descrizione della natura, della qualità e della quantità dei beni ceduti o consegnati.

- Causale del trasporto per i casi diversi dalla vendita ( tentata vendita, beni in conto lavorazione, in conto deposito, in comodato)

N.B. Il Documento di trasporto va compilato in duplice copia, l'originale è per il destinatario, la copia per il mittente. La legge non prescrive la firma del documento, però è consigliabile firmarlo per provare che la merce è stata consegnata. Per la compilazione si possono utilizzare gli stampati delle vecchie bolle scrivendo solamente gli elementi richiesti dalle nuove disposizioni sopra elencate.

Quando compilare il DdT ?

Cessione beni con fatturazione immediata (No)
Cessione beni con fatturazione differita (Si)
Trasporto beni ambito esercizio impresa (No)
Nomadismo ambito esercizio impresa (No)
Servizio impollinazione (Consigliato)
Conferimento a cooperative o associazioni (Si)

Attività di Apicoltore

L'attività dell'apicoltore è sancita nella legge n. 313 del 24 dicembre 2004 all’art. 2 che definisce l’apicoltura a tutti gli effetti attività agricola, anche se non correlata necessariamente alla gestione del terreno, richiamando anche l’articolo 2135 del Codice Civile.
Detta legge, all’articolo 3, precisa che è apicoltore chiunque detiene e conduce apiari ed è apicoltore professionista chiunque esercita l’attività apistica a titolo principale.

L’apicoltore, per il riconoscimento ai fini previdenziali, deve dimostrare di non avere meno di 105 alveari e che tale attività deve essere esercitata in maniera prevalente.

L’apicoltore che svolge l’attività di lavoro dipendente non può svolgere l’attività di imprenditore agricolo salvo che non svolga un lavoro dipendente privato, determinato e che non prevalga sull’attività agricola.

Il pensionato può svolgere l’attività di apicoltore senza particolari limitazioni in quanto i trattamenti pensionistici sono esclusi dal reddito derivante da altri lavori.

A.R.A.L. Associazione Regionale Apicoltori del Lazio

Sede operativa: Via Scido, 44
00118 Roma 
Tel: 392.4578539 Fax. 06/72633398
CF 80400530582
P. IVA 09539641002
C. C. Postale /N. 64555006